Euribor.it

 Tassi Oggi
  • EURIBOR [16/08/2017] 1 Mese -0.37    3 Mesi -0.33    6 Mesi -0.27    1 Anno -0.16   
  • EURIRS [14/08/2017] 5 Anni 0.21   10 Anni 0.85   15 Anni 1.25   20 Anni 1.42   25 Anni 1.48   30 Anni 1.51   

News

La clausola floor nei mutui è legittima?

La clausola floor nei mutui è legittima?
marzo 20
11:04 2017

La clausola floor è il tasso percentuale sotto il quale la rata di un mutuo non può scendere.

Negli ultimi tempi gli istituti di credito hanno fatto ricorso alla clausola floor per tutelarsi contro il calo dei tassi di interesse. Fino agli inizi del 2015 nessuna banca prevedeva che l’Euribor sarebbe sceso sotto zero e dunque non c’era motivo di fissare un tasso minimo nel contratto di mutuo. Ma quando i tassi si sono avvicinati alla soglia dello zero, vari istituti hanno iniziato ad inserire la clausola floor a garanzia che gli interessi pagati dal mutuatario non fossero mai più bassi di quanto pattuito nel contratto.

La clausola floor nei mutui è legittima? Alcune associazioni dei consumatori considerano la clausola floor vessatoria, poiché crea uno squilibro dei diritti e degli obblighi del mutuatario. Chi ha un mutuo a tasso variabile con il tasso minimo oggi non beneficia dell’Euribor negativo e paga ormai da un anno la stessa rata. La giurisprudenza, tuttavia, considera legittima la clausola floor se specificata nel contratto in modo chiaro e trasparente e approvata per iscritto dal mutuatario.

Attenzione dunque alla clausola floor inserita nei contratti di mutuo a tasso variabile per chi deve sottoscrivere un nuovo mutuo. Per essere preparati, può essere utile sapere che esiste anche una clausola contrapposta all’opzione floor: è la clausola cap, che prevede un tetto massimo della rata di mutuo, un tasso oltre il quale gli interessi non possono salire, a garanzia questa volta del mutuatario.

Il problema di tanti che hanno un mutuo a tasso variabile in corso si è verificato quando le banche hanno applicato la clausola floor anche quando non era prevista nel contratto. Di fatto, molte banche considerano l’Euribor pari a zero anche quando il tasso di riferimento è negativo (oggi il trimestrale è -0,33), con il risultato di pagare una rata più alta. In questo caso è possibile richiedere un rimborso della somma che era stata pagata e non dovuta. Controlla qui se la rate del tuo mutuo sono state calcolate correttamente.

Condividi

CALCOLA IL TUO MUTUO