Tassi Oggi
  • EURIBOR [24/04/2018] 1 Mese -0.37    3 Mesi -0.33    6 Mesi -0.27    1 Anno -0.19   
  • EURIRS [23/04/2018] 5 Anni 0.43   10 Anni 1.05   15 Anni 1.38   20 Anni 1.52   25 Anni 1.56   30 Anni 1.56   

News

7 errori da non commettere prima di sottoscrivere un mutuo

7 errori da non commettere prima di sottoscrivere un mutuo
gennaio 25
17:10 2018

L’acquisto della casa è uno degli passi più importanti di una vita e spesso siamo costretti a ricorrere ad un mutuo per finanziarlo. Non è facile però individuare il mutuo più adatto alle nostre esigenze. Spesso si commettono degli sbagli imperdonabili. Vediamo i 7 errori da non commettere prima di sottoscrivere un mutuo:

1. INDEBITARSI PRIMA DEL DOVUTO
Richiedere un finanziamento (non strettamente necessario) poco prima di comprare casa potrebbe compromettere il buon esito della pratica di mutuo rischiando di superare il rapporto rata/reddito solitamente fissato a 1/3 dello stipendio.

2. RISCHIARE DI PERDERE LA CAPARRA
Una volta trovata la casa ideale, è buona regola vincolare la proposta di acquisto immobiliare all’accettazione del mutuo. In questo modo, in caso di mancata delibera da parte della banca, non rischierai di perdere l’acconto iniziale. Ancora meglio sarebbe portarsi avanti con la pratica di mutuo chiedendo una pre-delibera bancaria in modo da essere sicuri sull’importo che ci è stato autorizzato.

3. CHIEDERE L’IMPORTO SBAGLIATO
Spesso si fanno i conti in modo troppo superficiale. Si considera il costo dell’immobile e le spese legate all’acquisto (notaio, eventuale agenzia immobiliare etc) e non si calcolano i costi assicurativi o i piccoli interventi di ristrutturazione dell’abitazione, per non parlare degli imprevisti familiari di ogni genere. Meglio chiedere 5-10 mila euro in più, sempre nei limiti della propria capacità di rimborso, e non trovarsi costretti a dover chiedere un finanziamento aggiuntivo che costerebbe molto di più in termini di impegno mensile. Sempre che venisse concesso.

4. PENSARE CHE ESISTA SOLO LA PROPRIA BANCA
“Il direttore è mio amico e ho il conto lì da anni. Che figura ci faccio se vado da un’altra parte?” Si, forse l’amico direttore ci rimarrà male, ma là fuori ci sono banche che possono offrirti un tasso e condizioni di mutuo migliori. Confronta, confronta e confronta, se poi la tua manca è la più vantaggiosa, tanto meglio!

5. VEDERE IL CONSULENTE ESCLUSIVAMENTE COME UN COSTO
Il mediatore, se regolarmente iscritto all’elenco ufficiale e professionalmente preparato, può essere un valore aggiunto perché, grazie alla sua esperienza e alle convenzioni con più banche, può aiutarti a trovare il mutuo ideale e farti risparmiare molti soldi negli anni, anche a fronte di un costo di consulenza iniziale.

6. ARRIVARE IMPREPARATI AL ROGITO
Prima dell’atto notarile è importante leggere con calma la copia del contratto di mutuo e chiedere spiegazioni alla banca se qualcosa non è chiaro. Se hai ulteriori dubbi, fai domande anche al notaio, sei tu che lo paghi ed è un tuo diritto ricevere la sua consulenza.

7. SOTTOSCRIVERE QUALUNQUE POLIZZA ASSICURATIVA
Spesso si accetta di sottoscrivere polizze non strettamente necessarie. Lo ricordiamo, l’unica assicurazione obbligatoria è la “scoppio-incendio”. Non stiamo dicendo che l’assicurazione sulla vita dell’unico genitore che lavora, con 3 figli e coniuge a carico non sia importante (anzi!), ma a volte certe coperture non rispondono alle nostre esigenze. Anche in questo caso, confronta e risparmia!

Dal nostro Gruppo Facebook MUTUO FACILE

Condividi

CONTROLLO MUTUO